slide2

Biscotti di frolla con farina di semola e crema alle nocciole

22 marzo 2017

Biscotti di frolla con farina di semola e crema alle nocciole

Ok, è ufficialmente arrivata la primavera, ma questo significa anche l'arrivo dei malanni di stagione. Qui in casa ormai sono giorni in cui mal di gola, naso chiuso e tosse la fanno da padrone. Prima ovviamente è toccato a me e ora giustamente è la volta del mio fidanzato..insomma una vera tragedia!! Nonostante il periodo non proprio bello, la mia voglia di preparare qualcosa di buono non si è mai placata..anzi.
Un pò di tempo fa ho comprato un pacco di farina di semola di grano duro, ma visto che ancora non ero riuscita ad utilizzarla, ho pensato bene di preparare una pasta frolla per dei biscotti davvero golosi.
La farina di semola è ottima per preparare dolci da forno, ma io avendola usata per una base di frolla, sono rimasta parecchio sorpresa dal risultato perchè una volta fatta riposare in frigorifero, si è lasciata stendere perfettamente e devo dire che ha reso la frolla molto più compatta e quindi più facile da lavorare col matterello. Se non l'avete mai usata vi consiglio di comprarla perchè sono sicura che sorprenderà anche voi.


INGREDIENTI:



  • 100 gr di farina 00
  • 200 gr di farina di semola di grano duro
  • 130 gr di zucchero di canna
  • 100 gr di burro
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • buccia di limone grattugiata
  • crema alle nocciole q.b.

PREPARAZIONE:

Iniziate setacciando la farina con il lievito e impastate con il burro freddo fino ad ottenere un impasto piuttosto sbricioloso. 
Unite lo zucchero, le uova e la buccia di un limone grattugiato, impastate bene il tutto, formate una palla e avvolgetela con un pò di pellicola e fatela riposare in frigorifero per almeno un'ora.
Trascorso il tempo necessario, stendetela su di un piano infarinato e col matterello tirate la frolla dello spessore di circa 2 cm. Con dei taglia biscotti dal diametro di circa 5 cm ricavate delle forme di biscotto e con uno stampo più piccolo realizzate un foro al centro sull'altra metà dei biscotti ottenuti. Appoggiate delicatamente i biscotti su una placca da forno rivestita con carta forno e fateli cuocere per circa 12 minuti a 180°. 
Appena sfornati, prendere un biscotto non bucato e ponete al centro un pò di crema alle nocciole e poggiateci sopra un biscotto forato. Infine spolverizzateli con abbondante zucchero a velo. 



Ciambella bicolore senza burro

17 marzo 2017

Ciambella bicolore senza burro

Chi l'ha detto che i dolci senza l'aggiunta di burro siano meno buoni di quelli che lo contengono? Ammetto che molto spesso nei dolci che preparo aggiungo il burro, ma anche quelli 'senza' meritano una chance..credetemi.
Prima di tutto perchè quando si assaggia un dolce privo di burro si sente fin da subito il gusto più leggero e delicato, ma come ho detto prima non per questo equivalgono a dei dolci di serie B.
Ormai i giorni passano davvero velocemente e quando meno ce lo aspettiamo arriverà la bella stagione e allora sono sicura che li inizieremo a cercare ricette che contengano meno calorie possibili in vista della famigerata prova costume.
Io vi confesso che la prova costume non mi ha mai spaventata perchè in fin dei conti mi piaccio cosi come sono, con qualche "morbidezza" qua e là.
Insomma tutto questo per dirvi che stavolta il dolce ve lo propongo senza burro (si era capito, vero?). Una ciambella bicolore che vi posso assicurare risulterà lo stesso soffice e ideale da inzuppare nel caffellatte.


INGREDIENTI:  



  • 200 gr di farina
  • 200 gr di zucchero di canna
  • 120 ml di latte
  • 100 ml di olio di semi di mais
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di cacao amaro in polvere
  • 1/2 bustina di lievito istantaneo 

PREPARAZIONE:

In una ciotola abbastanza capiente mescolate la farina setacciata, lo zucchero e il lievito istantaneo. Aggiungete il latte e l'olio di semi e mescolate bene fin quando non otterrete un composto omogeneo. Adesso aggiungete un uovo alla volta e mescolate ancora finché l'impasto risulterà liscio.
Dividete il composto in due. Versatene metà in uno stampo da ciambella da 18 cm di diametro e all'altra metà miscelate i due cucchiai di cacao amaro. Versate il composto al cacao sopra quello chiaro.
Cuocete la ciambella a 180° per circa 30/35 minuti. Fate sempre la prova dello stecchino perchè una buona cottura dipende sopratutto dal forno che si ha in casa. 
Fatela raffreddare prima di servirla. 

 


Muffin alle mele e cannella

9 marzo 2017

Muffin alle mele e cannella

Inutile ripeterlo perchè non voglio assolutamente passare per quella ripetiva. AMO i muffin e questo ormai è un dato di fatto. Li amo per la loro simpatica forma, li amo per la loro bontà e sopratutto li amo per quello che riescono a trasmettere ogni volta che li preparo. Ci sono davvero un'infinità di modi per preparare questi dolcetti 'americani' e ogni volta vi confesso che riescono sempre a stupirmi.
So che piano piano stiamo andando incontro alla primavera e le giornate ormai iniziano ad allungarsi e magari qualcuno potrebbe anche pensare che la combo mele e cannella sia prettamente adatta al periodo autunnale/invernale..ma vi posso assicurare che non è cosi. Visto che come dicevo prima la primavera ormai è dietro l'angolo, perchè non preparare questi muffin in vista di un bel pic nic al parco? ci avevate mai pensato?
Per la ricetta ho usato le mele di tipo Fuji. Vista la dolcezza e croccantezza della polpa sono particolarmente adatte per la preparazione di torte e dolci vari.


INGREDIENTI:




  • 1 mela tipo Fuji 
  • 120 gr di farina
  • 60 gr di zucchero di canna
  • 2 uova
  • 100 ml di latte
  • 100 gr di burro
  • cannella q.b.
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • zucchero a velo (facoltativo)

PREPARAZIONE:

In una terrina riunite il latte, le uova e il burro fuso e amalgamateli con un cucchiaio. Aggiungete la farina setacciata, lo zucchero di canna, il lievito e un mezzo cucchiaino di cannella e mescolate il tutto con l'aiuto di una spatola.
Tagliate mezza mela a pezzetti piccoli e incorporatela all'impasto. Versate 3/4 di composto nei pirottini e aggiungete un paio di fettine di mela tagliate sottilissime.
Fateli cuocere per circa 15/18 minuti a 170°e una volta raffreddati cospargeteli con un pò di zucchero a velo. 





Quadrotti al caffè con cacao e cocco

8 marzo 2017

Quadrotti al caffè con cacao e cocco

Voi che dolce preparereste con il caffè, il cacao in polvere e il cocco grattugiato? Prima di pensarci badate bene che li dovete usare tutti e tre. Sono tre ingredienti che tra di loro fanno faville, questo ve lo posso assicurare.
Se magari ultimamente siete un pò stanchi delle solite torte, ciambelle e ciambelloni vari.. I quadrotti al caffè faranno sicuramente al caso vostro. All'interno risulteranno morbidissimi e vista la forma un pò particolare si potrebbe correre il rischio di mangiarne uno dietro l'altro. Non ci credete? provateli e fatemi sapere.


INGREDIENTI:




  • 120 gr di farina
  • 100 gr di zucchero di canna 
  • 120 gr di burro morbido
  • 70 gr di cocco grattugiato
  • 30 gr di cacao amaro S. Martino 
  • 5 cucchiai di latte
  • 2 uova medie
  • caffè in polvere
  • 1 cucchiaino di lievito vanigliato
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • 100 ml di caffè 

PREPARAZIONE:

Iniziate montando il burro morbido e lo zucchero di canna con una frusta elettrica finché non otterrete una crema piuttosto spumosa. Adesso incorporate le uova sbattute con cinque cucchiai di latte, alternandole con la farina setacciata col lievito e 20 gr di cacao in polvere.
Unite 70 gr di cocco grattugiato e 1 cucchiaino di caffè in polvere. Dopodiché trasferite il composto in uno stampo quadrato foderato con un foglio di carta da forno (meglio se bagnato) e fate cuocere per 30 minuti a 170°.
In una ciotola mescolate il cacao che vi è rimasto con lo zucchero a velo e diluite le due polveri col caffè caldo e dopo distribuite il mix  sulla superficie della torta e fatela riposare per 5 minuti.
Una volta raffreddata, tagliatela e formate dei quadrotti e cospargeteli con il restante cocco. 





Plumcake soffice al profumo di limone

27 febbraio 2017

Plumcake soffice al profumo di limone

Questa ricetta rischiava davvero di non essere pubblicata. Ora vi racconto brevemente come è andata: ieri mattina, dovendo scattare alcune foto, ho avuto la brillante idea di usare una nuova scheda SD e il risultato è stato che il mio amato/odiato computer non è riuscito a leggere la scheda e quindi morale della favola ho dovuto chiedere a mia sorella se con il suo pc riusciva a mandarmi tutte le foto per email..e per fortuna cosi è stato. Ok, fine della mia breve storia triste!

Ormai come ogni lunedi, anche questa volta vi propongo un altro dolce che potete preparare per le vostre colazioni o merende. Si tratta di un soffice plumcake al profumo di limone che fa tanto primavera, non trovate? Appena l'ho tirato fuori dal forno ha sprigionato un profumino per tutta casa che non potete immaginare. Ovviamente dopo aver superato la prova assaggio, non vedevo l'ora di condividere con voi la ricetta.



INGREDIENTI:



  • 150 gr di farina
  • 100 gr di zucchero
  • 140 gr di burro morbido
  • 3 uova medie
  • 1 bustina di vanillina
  • scorza di 1 limone non trattato
  • 1 bustina di lievito per dolci S. Martino 


PREPARAZIONE:

Per prima cosa con le fruste elettriche montate il burro insieme allo zucchero e dopo aggiungete un uovo alla volta. In una terrina versate tutti gli ingredienti solidi (farina, vanillina e lievito) e mescolate bene il tutto. Adesso unite i due composti e grattugiate la scorza del limone. Imburrate leggermente uno stampo da plumcake e versate l'impasto. Fatelo cuocere per 30 minuti a 180°. Prima di toglierlo dallo stampo fatelo raffreddare qualche minuto cosi da risultare ancora più compatto.




Sfogliatine salate con zucchine e ricotta fresca

21 febbraio 2017

Sfogliatine salate con zucchine e ricotta fresca

E' bello scoprire che con la sfoglia si possono preparare davvero tantissime ricette facili, veloci e sopratutto gustose.
La sfoglia infatti si presta molto bene sia per preparazioni salate e sia per quelle dolci. Qui a casa questo genere di ricette sono molto apprezzate e quindi ogni scusa è buona per preparare qualcosa che vada bene come antipasto o aperitivo..ma ad essere sinceri per noi spessissimo rappresentano delle vere e proprie cene.
Anche con questa ricetta che vi propongo oggi vi posso assicurare che le vostre papille gustative vi ringrazieranno. Se la replicate e vi fa piacere potete taggarmi su Instagram.



INGREDIENTI:



  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • 2 zucchine grandi
  • 5 cucchiai di ricotta fresca
  • 1 cucchiaio abbondante di grana grattugiato
  • 1 uovo
  • sale q.b.
  • semi di papavero q.b.

PREPARAZIONE:

Lavate le zucchine e tagliatele a rondelle sottili. In una padella fate scaldare leggermente un filo d'olio evo e fate saltare le zucchine per qualche minuto finché non saranno dorate. Toglietele dal fuoco e aggiustate di sale.
Versate le zucchine in una ciotola, aggiungete la ricotta fresca, l'uovo e il grana grattugiato e mescolate il tutto.
Stendete la sfoglia e dividetela in 8-9 rettangoli. Disponete con un cucchiaio il condimento al centro di ogni rettangolo e richiudete gli angoli facendo una leggera pressione nella parte centrale.
Dopodiché spennellate la superficie con dell'acqua e aggiungete i semi di papavero.
Fatele cuocere a forno ventilato per circa 18 minuti a 170°.

 


La vera cucina romana: l'Oste della Bon' Ora

20 febbraio 2017

La vera cucina romana: l'Oste della Bon' Ora
L'oste Massimo Pulicati

Qualche giorno fa ho avuto l'occasione di provare un nuovo temporary restaurant che si trova all'interno di Eataly Smeraldo a Milano. Il ristorante in questione propone piatti della tradizione romana ed è a gestione familiare: Massimo - l'oste, Maria Luisa - la cuoca e i due figli Marco e Flavio. Il vero ristorante infatti si trova a Grottaferrata (Roma), ma fino al 28 febbraio potete trovare la famiglia Pulicati proprio qui a Milano.
Io ammetto che fino ad ora non avevo mai conosciuto cosi da vicino un oste e devo dire che la cosa mi ha entusiasmato molto perchè Massimo è un vero simpaticone, con quell'accento romanesco che io personalmente ho sempre adorato.
Lui è riuscito in pochissime ore a farmi innamorare ancora di più della cucina romana, perchè nel spiegare i vari piatti del menù si percepisce tutto l'amore e la passione che ha per il suo lavoro e questa è stata sicuramente una delle cose che ho apprezzato di più.

Qui ci si accomoda direttamente al bancone cosi si può ammirare con i propri occhi i piatti che vengono preparati.
Io, insieme ad altre mie due colleghe blogger, abbiamo provato il menù degustazione che comprende:

- Crema di ceci con crostini al rosmarino,
- Assaggi di amatriciana e cacio e pepe,
- Saltimbocca alla romana,
- Dolce crema di Maria Luisa.


Crema di ceci con crostini al rosmarino

Abbiamo iniziato con una buonissima crema di ceci che si è rivelata un tripudio di sapori e che io ho particolarmente apprezzato.

La nostra degustazione è proseguita con degli straccetti alle erbe aromatiche fresche, saltimbocca alla romana e una tartare della Granda battuta al coltello con cavolo rosso marinato all'arancio.

Straccetti alle erbe aromatiche fresche

Saltimbocca alla romana

Tartare della Granada battuta al coltello con cavolo rosso marinato all'arancio

Sono stata a Roma per ben due volte, ma entrambi le volte ho sempre pranzato o cenato con una bella carbonara, quindi non me ne vogliano i romani ma fin ad ora non avevo mai assaggiato la vera cacio e pepe. Quindi di certo non potevo farmi sfuggire l'opportunità di mangiare quella preparata da dei veri romani doc. La cacio e pepe è la cacio e pepe e di certo non ha bisogno di presentazioni, ma vi posso assicurare che loro la fanno di una bontà incredibile e quasi quasi, se non mi fossi vergognata un pò, avrei chiesto sicuramente il bis.

Tonnarelli cacio e pepe

Ma ovviamente non ho assaggiato solo questa, infatti gli strozzapreti all'Amatriciana mi hanno fatto immediatamente capire che le amatriciane che ho mangiato finora non erano vere amatriciane. Fosse stato per me avrei continuato a mangiare e a ri-mangiare.

Strozzapreti amatriciana

Molti pensano che la cucina romana è pesante, invece no. Bisogna preparare i piatti anche con un tocco di leggerezza, tanto il risultato sarà sempre ottimo.

Per finire in bellezza un pranzo degno di nota, Maria Luisa ci ha preparato la dolce crema che porta proprio il suo nome: una buonissima rivisitazione della Crème Brulèe.

La dolce crema di Maria Luisa

Grazie a Massimo e a Maria Luisa abbiamo anche imparato i segreti per preparare la vera carbonara e ora non mi resta che mettere in pratica tutti i loro preziosi consigli.


Insomma sono sicura che vi ho fatto venire voglia di provare la vera cucina romana. Se non siete di Roma quindi vi consiglio assolutamente di recarvi da Eataly Smeraldo e farvi travolgere dai racconti, dalla simpatia e dai piatti della famiglia Pulicati. Avete tempo fino a martedi 28 febbraio.
Io vi ho avvisato eh!!




Contatti:
L'Oste della Bon'Ora
Viale Vittorio Veneto, 133 - Grottaferrata Roma
www.lostedellabonora.com
Telefono: 06/9413778 - 339/2325158
loste@lostedellabonora.it 
Pagina Facebook: L' Oste della Bon' Ora

Da Eataly Smeraldo
Piazza XXV Aprile, 10 - Milano 
2° piano 

Contact me:
cappuccinoaddicted@gmail.com

Designed by Pandabops Design
© Cappuccino Addicted